Palazzo baronale

Costruito nel ‘600, è situato nel mezzo del paese. Nel 1905 è stato comprato e restaurato dal Comune per essere adibito a sede del municipio, sostituendo l’orma inadeguata sede a destra della Chiesa Madre.
È composto da due piani: in origine il primo piano era adibito a scuola temporanea e a foresteria; nel secondo vi erano le stanze per la segreteria e per l’archivio, e due sale per le sedute pubbliche del Consiglio municipale e per l’Ufficio di conciliazione.
Il portone d’ingresso è raggiungibile da una lunga scalinata centrale con gradoni in pietra e in mattoni. Appartenne prima alla famiglia Lombardo, successivamente ai marchesi Gesualdo ed infine fu acquistato nel 1770 circa dal barone Sabino Zamagna, nobile di Dubrovnik.

Palazzo baronale con ampio scalone d’ingresso in pietra e mattoni.

Fonti:
– Colacurcio Giuseppe, Notizie storiche del comune di S. Stefano del Sole, Uffici della Campana del Mattino, Napoli, 1914.

A cura di Andrea Melillo, già autore della relativa pagina di wikipedia